Archive | slippery slope RSS for this section

combinato disposto

l’impiego del braccialetto elettronico per le persone condannate a pene dententive sino a due anni e la reclusione di qualche mese comminata per il reato di prostituzione in luogo pubblico o aperto al pubblico porterà forse ad avere la mappa delle lucciole sul navigatore satellitare?

ah, this is a Weird Wireless World

Ognuno sta solo sul cuor della terra trafitto da un raggio di sole: ed è subito sera.

ovvero del subitaneo tracollo delle aspettative circa la pragmatica laicità di Sarah Palin

è inutile, non c’è niente da fare.

da qualsiasi parte del globo terracqueo s’erga un membro dell’umana specie a dir due parole sull’idea di polis capace di muovermi ad empatia non mi lascia il tempo che serve ad inarcare un sorriso che subito quelle due parole di troppo spengono la scintilla.

pare abbia affermato che la guerra in irak sia stata voluta da dio. andrò mestamente alla ricerca delle originali trascrizioni non fidandomi in modo alcuno della stampa in special modo locale, ma s’è interrotto l’idillio.

“Sarah, ma non importa”

in fondo ogni uomo è un’isola

Thumbs Up

here’s mine

slippery slope

notturno, ore 2.30 a.m.

si è appena smorzato il frastuono del temporale, voci sommesse e poi rumori in giardino, qualcuno armeggia utensili ai cardini del portone.

F. alla finestra spalancata d’improvviso urla “bastardi!”

uno dei fab 4 di rimando mentre scappa dal giardino: “bastardo sei tu!”

mi sto ancora vestendo, rumori metallici all’uscio sul cortile, provano ad entrare dall’altra porta

pochi minuti ancora ed arrivavano i CC a suonare il gong del III round del 2008, ma anche stavolta la fuga è stata lesta e l’incontro non è finito.

i pargoli han dormito per tutta la durata del match.

safe action, they call it

PS
quella notte a me è andata meglio che agli altri tre nella via. 
due notti dopo altri rumori in cortile, telefonata di rito e quattro
lucine blu, una ogni paio di pantaloni con la riga rossa,
in meno di dieci minuti.
we got fever...